Pellicola
> Super8 e 8mm
> 16mm
Videocassetta
> Hi8 e Video8
> VHS
> Mini-DV
> NTSC
> Betacam
> Altri Formati
> Audio
> Audiocassetta
> Bobina Audio
> Disco in Vinile
> Microcassetta
> Fotografia
> Diapositive
> Contatti
> Ritiro e Consegna
> Preventivo
> Contatto e Info
> Listino Prezzi
> FAQ
Musicassetta su CD

Riversamento
Musicassetta su CD

oppure MP3

 

Listino Prezzi per trasferimento di musicassetta su CD-audio o MP3

 

Musicassetta

Da 1 fino 80* minuti su CD Audio € 12,00
oltre  10 pezzi € 10,00
   
Da 81 fino 160* minuti su CD Audio (2CD)

€ 17,00

oltre  10 pezzi

€ 15,00

   

*durata della registrazione

   prezzi a cassetta iva esclusa

 
 
 
 
 
 
 
I Servizi di ItaliaFoto
 
sono offerti comodamente a casa vostra
in questo modo:

1. Compilate la richiesta di preventivo on-line, senza impegno, per sapere il costo del riversamento delle audiocassette, oppure contattateci.

2. Confezionare il pacco da spedirci utilizzando una scatola resistente affinché le vostre audiocassette siano ben protette.
Rimuovere eventuali etichette o altri contrassegni di vecchie spedizioni dal pacco e indicare in modo leggibile i dati del mittente e del destinatario:
Italiafoto
Via dell’Alloro 201
Roma (RM) 00172

3. Compilate la richiesta di ritiro a domicilio oppure contattateci.

4. Il nostro servizio di corriere (SDA) ritirerà il pacco con le audio cassette all'indirizzo da voi fornito.
Il ritiro sarà a nostro carico per tanto non pagherete nulla al momento del ritiro.

5. Una volta completato il riversamento delle cassette, la contatteremo per informarla sulla data della riconsegna e l’importo da pagare direttamente al corriere in contrassegno.

Importante:
Il materiale originale ritirato viene sempre restituito.

Per qualsiasi chiarimento o particolari lavorazioni contattateci  info@italiafoto.it

Ritorna al'Inizio
 
Musicassetta - K7
 

MusicassettaLa musicassetta (anche conosciuta come cassetta o K7) è
un supporto fonografico a nastro magnetico molto diffuso e popolare per la economicità e la sua semplicità d'uso: un piccolo contenitore con due bobine che raccolgono il nastro su cui può essere registrato materiale sonoro. La musicassetta è stata introdotta sul mercato nel 1963 dalla Philips. In origine era costituita da una certa quantità di nastro magnetico della BASF racchiusa in un guscioTrasferimento Musicassetta su CD protettivo in materiale plastico. Il nastro disponeva di quattro tracce, dando la possibilità di registrare due tracce stereo – una riproducibile con il lato 'A' posto in alto e l'altra utilizzabile capovolgendola – in modo analogo a quanto avviene con i dischi. La produzione di massa cominciò nel 1965 ad Hannover in Germania e contestualmente iniziò la vendita di nastri preregistrati.

Durata della riproduzione
La lunghezza del nastro della musicassetta è normalmente Musicassetta su CD misurata in minuti, che indicano la durata complessiva della riproduzione considerando entrambi i lati. I formati più diffusi sono C46 (23 minuti per lato), C60 (30 minuti per lato), C90, e C120.

Audio
La musicassetta è stata inizialmente concepita per l'uso nei dittafoni, per i quali la fedeltà della riproduzione non era particolarmente critica, ma presto, grazie alla sua praticità e compattezza divenne uno strumento popolare anche per l'ascolto di musica preregistrata. Con il miglioramento del supporto magnetico e la concomitante produzione di sempre più validi apparecchi per la registrazione e riproduzione di compact cassette, la musicassetta riuscì a sostituire più che decentemente le classiche e costose bobine.

A partire dal 1979, con l'introduzione del Walkman prodotto da Sony, la popolarità della musicassetta aumentò ulteriormente per poi scemare con l'avvento di CD masterizzabili e lettori CD portatili.

 

Ritorna al'Inizio
 
Nascita del CD
 


L'origine del CD risale al 1979, quando fu inventato, congiuntamente, dalle aziende Sony e Philips.

La genesi del CD è dovuta alla ricerca, da parte del mondo della telefonia, di un sistema efficiente di moltiplicazione per le informazioni, attraverso la numerizzazione e semplificazione dei segnali.

L'applicazione congiunta del sistema numerico binario al suono e del laser diede vita al compact disc.

Fu il 17 agosto 1982 che il primo CD per l'utilizzo commerciale venne prodotto in una fabbrica della Philips ad Hannover in Germania.

Il primo CD musicale ad essere messo in commercio fu The Visitors del gruppo svedese degli ABBA[1] (curiosamente il loro ultimo album prodotto in studio).


Struttura fisica
I CD hanno una struttura paragonabile a quella dei normali dischi musicali: i dati sono ordinati lungo un'unica traccia a forma di spirale, un'organizzazione quindi molto diversa da quella dei dischi magnetici (hard disk e floppy disk). La spirale parte al centro (contrariamente ai dischi in vinile) e procede verso l'esterno, permettendo così di avere CD più piccoli dello standard (per esempio i mini-CD o i CD a forma di carta di credito).

La struttura a spirale del CD-ROM è tale da massimizzare le prestazioni per l'accesso sequenziale a scapito dell'accesso diretto.

Una caratteristica dei CD audio è data dalla velocità di lettura costante (CLV - Constant Linear Velocity). Il principio stabilisce che il laser deve leggere i dati a velocità uniforme, sia che si tratti della parte esterna sia quella interna del disco. Questo si ottiene variando la velocità di rotazione del disco, che passa da 500 giri al minuto al centro a 200 giri al minuto all'esterno. I CD dati invece possono essere letti tranquillamente anche a velocità variabile. Per ottenere prestazioni di lettura elevate il disco viene pertanto fatto girare a velocità costanti ed elevate (in modalità CAV - Constant Angular Velocity), pur se questo comporta un po' di rumore.

Ritorna al'Inizio
 
ITALIAFOTO
Via dell'Alloro, 201
Roma (RM) 00172  - ITALIA
Tel: 062306454 / 062308463
Email:

orario al pubblico:

 lun a ven dalle 09:00 alle 13:00 e dalle 15:00 alle 18:00

sabato dalle 09:00 alle 13:00